Cybersecurity, cosa significa la sigla https su Google Chrome

Da diverso tempo Google è impegnata in una “crociata” digitale per migliorare la sicurezza online degli internauti. In particolare, la casa di Mountain View si è impegnata per favorire l’adozione del protocollo HTTPS, che sfrutta la crittografia per garantire un livello di sicurezza più elevato mentre si naviga online.

Il protocollo HTTPS (acronimo di HyperText Transfer Protocol Secureserve a proteggere lo scambio di dati tra un internauta e il server che ospita il sito web che vuole consultare. Come accennato, tutto merito dell’utilizzo di protocolli crittografici che, rendondo “illeggibili” le informazioni scambiate tra server e utent, neutralizzano qualunque tentativo di attacco man in the middle. E se fino a qualche anno fa l’HTTPS era utilizzato solo per lo scambio di informazioni sensibili (pagamenti online, login, acquisti e così via), oggi è ritenuto un elemento fondamentale per proteggere la navigazione online, indipendentemente dal sito che si visita.

Come Google ha favorito l’adozione dell’HTTPS

Un primo tentativo di Google risale alla fine del 2016 ed è rivolto a web master e gestori di siti in genere. Big G ha infatti modificato il proprio algoritmo di ricerca per premiare i portali che utilizzano l’HTTPS, così da incentivare il passaggio dal protocollo meno sicuro a quello più sicuro. I frutti sono stati (quasi) immediati: dopo appena un anno, oltre il 50% del traffico web era generato da portali protetti da protocollo HTTPS. La casa di Mountain View non si è però accontentata e, puntando sul fattore “paura”, prova a cambiare le abitudini di navigazione degli utenti.

Cosa vuol dire “Sito non sicuro” su Chrome

Sito non sicuro su Chrome

In questo secondo passaggio svolge un ruolo fondamentale Chrome, il browser web di Google utilizzato da circa il 60% degli internauti in tutto il mondo. Indipendentemente dal browser che si utilizza, un sito con HTTPS è segnalato da un lucchetto chiuso di colore verde posto all’estremità sinistra della barra degli indirizzi (il campo dove inseriamo la URL del sito da visitare per intendersi). Da luglio 2018 Chrome visualizzerà una nuova etichetta che indicherà come non sicuro qualunque sito web che non fa uso del protocollo più sicuro. In questo modo Google mette sul chi va là gli internauti, invitandoli a fare attenzione al tipo di dati e informazioni personali che quel portale richiede. Insomma, utente avvisato mezzo salvato.

Fonte: tecnologia.libero.it