Luxottica, produzione ferma e dipendenti a casa. Colpita da un attacco hacker?

Luxottica, la più grande produttrice mondiale di montature per occhiali da vista e da sole, è ostaggio da parte di criminali informatici.

Secondo quanto riporta l’Ansa, gli stabilimenti della produzione e della logistica di Agordo e Sedico, nel bellunese, sono fermi dalle 11 di stamane a causa di un non meglio precisato “guasto al sistema informatico”.

Fonti sindacali hanno confermato all’agenzia di stampa che i lavoratori sono stati raggiunti da un SMS in cui si notifica loro che “il secondo turno di oggi 21 settembre è sospeso” a causa di ” gravi problemi informatici“.

Luxottica: ransomware dietro l’attacco?

Al momento non si hanno notizie certe sull’attacco informatico, ma date le circostanze, si può intuire che l’azienda fondata da Leonardo Del Vecchio sia vittima di un grave attacco ransomware.

Il ransomware è un programma informatico dannoso (“malevolo”) che può “infettare” un dispositivo digitale, bloccando l’accesso a tutti o ad alcuni dei suoi contenuti (foto, video, file, ecc.) per poi chiedere un riscatto da pagare per “liberarli”.

La richiesta di pagamento, con le relative istruzioni, compare di solito in una finestra che si apre automaticamente sullo schermo del dispositivo infettato. All’utente viene minacciosamente comunicato che ha poche ore o pochi giorni per effettuare il versamento del riscatto, altrimenti il blocco dei contenuti diventerà definitivo.

Vai all’articolo completo qui.

Fonte: key4biz.it