Hacker, soldati NATO spiati attraverso i loro smartphone

Giochi di guerra in Europa dell’Est. Dove i militari del contingente Nato hanno denunciato una serie di attacchi informatici verso quello che sembra essere il nuovo tallone d’Achille degli eserciti occidentali: gli smartphone dei soldati.

Che contengono gps e informazioni preziose diffuse sui vari profili Facebook, account Instagram e tutte quelle altre app zeppe di informazioni personali. A finire sotto attacco, racconta il Wall Street Journal, è il contingente di 4000 soldati Nato schierati nel Baltico a difesa dei confini europei con la Russia.

Lo conferma al quotidiano economico il colonnello americano Christopher L’Heureux, capo della base Nato di Bemowo Piskie, in Polonia, e responsabile dei posizionamenti tattici delle truppe. E lui ad aver raccontato come, al termine di un’esercitazione, si sia accorto che il suo iPhone era in modalità “smarrito”: e qualcuno cercava di farci breccia da un Ip russo. Un ulteriore verifica gli ha permesso di scoprire che da tempo i suoi spostamenti erano tracciati: “Mi stavano geolocalizzando”. La stessa cosa, ha raccontanto al Wsj, è accaduta ad altri ufficiali del suo staff.

Il tentativo, minimizzano altri ufficiali, per ora è piuttosto goffo. Ma, secondo il colonnello americano, potrebbe in realtà trattarsi solo di un avvertimento: “Possiamo entrare nelle vostre vite quando vogliamo, sapere tutto di voi, trovare il modo per intimidirvi”. Di sicuro è un nuovo fronte che desta allarme: perché compromettere i cellulari degli ufficiali, ricorda sempre il Wsj, in caso di conflitto finirebbe per rallentare le operazioni. Permettendo al nemico virtuale di ricostruire spostamenti.

Vai all’articolo completo qui.

Related Posts

Ultime news

Roma Capitale Cyber Security