WannaCry parte seconda, l’attacco continua in Cina e Giappone

A farci i conti in queste ultime ore è stata la terra del Dragone. Si parla di 29.372 sedi di istituzioni cinesi colpite, incluse agenzie governative. Dal Giappone si viene a sapere che diversi computer Hitachi hanno avuto problemi durante l’invio e la ricezione delle email.

Centinaia di migliaia i computer cinesi presi stamattina di mira da WannaCry: l’attacco informatico che da venerdì scorso sta infettando pc di organizzazioni e aziende in 150 paesi del mondo, inclusa l’Italia. Il virus, chiamato tecnicamente ransomware, rende inaccessibili i dati dei computer infetti e per ripristinarli chiede il pagamento di un riscatto da effettuare in Bitcoin, la moneta elettronica.
A farci i conti in queste ultime ore è stata la terra del Dragone. Si parla di 29.372 sedi di istituzioni cinesi colpite, incluse agenzie governative. Dal Giappone si viene a sapere che diversi computer Hitachi hanno avuto problemi durante l’invio e la ricezione delle email. Ma sembra che sia stato tutto risolto. Anche altre compagnie nipponiche hanno riportato difficoltà, tra cui Nissan (presso gli impianti britannici) e il colosso ferroviario East Japan Railway. Mentre in Europa il pericolo di un lunedì nero dopo il rientro in ufficio di impiegati e liberi professionisti pare, al momento, scampato.
Lo sostiene l’Europol. “Il numero delle vittime non è aumentato e la situazione appare stabile in Europa, il che equivale a un successo”, ha detto alla France Presse questa mattina il portavoce Jan Op Gen Oorth. “Sembra che in molti si siano messi al lavoro nel fine settimana e abbiano aggiornato i software di sicurezza”. Nessun particolare danno in Russia, dove sulla questione è intervenuto persino il presidente Vladimir Putin, che ha lanciato una frecciata contro i servizi segreti statunitensi, dovrebbero “essere consapevoli dei rischi” insiti nella creazione di software che possono essere usati “per fini malvagi”.
Secondo le ultime stime, l’attacco informatico ha infettato in totale 200mila computer. Eppure attualmente l’ammontare dei soldi raccolti dai pirati informatici si aggira intorno ai 53mila dollari. Una cifra non altissima considerato che il malware in questione ha come obiettivo proprio il pagamento di un riscatto. È destinata a cresce, ma comunque riduce le proporzioni del fenomeno. È possibile seguirne gli sviluppi grazie a un bot su Twitter, Ransom Tracker, creato da Michele Spagnuolo, un ingegnere italiano addetto alla sicurezza informatica che lavora nella sede di Google a Zurigo.

Related Posts

Ultime news

comunicare_attacco_hacker
von der Leyen_cyber security