Il (ricco) futuro del Cybercrime, il mercato sarà di 8 trilioni di dollari nei prossimi 5 anni

Stando alla ricerca Juniper Research gli attacchi hacker genereranno circa 8 trilioni di dollari nei prossimi cinque anni, saranno 5 miliardi i dati rubati

31 Maggio 2017 – Se di lavoro fate i cyber criminali questi sono bei tempi. Scherzi a parte, secondo le stime dell’indagine Juniper Research gli attacchi hackergenereranno 8 trilioni di dollari (8 mila miliardi) nei prossimi cinque anni. Incredibili anche le cifre di dati che si stima verranno rubate agli utenti in Rete nel solo 2017: quasi 3 miliardi.

E le cifre continueranno ad aumentare se non si troveranno delle soluzioni efficaci per invertire la rotta. Per esempio, sempre secondo la ricerca, nel 2020 i dati annui rubati agli utenti saliranno e forse supereranno i 5 miliardi. Numeri da record, con pochissimo da festeggiare. La ricerca che prende il nome di The Future of Cybercrime & Security: Enterprise Threats & Mitigation 2017-2022, ha anche indicato quali saranno le persone più colpite, e com’era facile preventivare saranno le imprese, anche le piccole e medie, gli obiettivi preferiti dai cybercriminali da qui al 2022. Un aspetto che sottolinea l’importanza della sicurezza informatica per le PMI.

Proteggere i propri sistemi

PMI che dalla loro hanno dimostrato di spendere meno di 4mila euro annui in misure di sicurezza informatica, con aumenti di spesa che saranno solo marginali nei prossimi 5 anni. Uno dei problemi principali sono i software obsoleti, e facilmente soggetti a attacchi hacker, che le PMI spesso usano nei loro processi produttivi. L’autore della ricerca, James Moar, ha sottolineato: “le aziende, di tutte le dimensioni, hanno bisogno di trovare il tempo e il budget per migliorare e proteggere i propri sistemi, o perderanno la capacità di svolgere il proprio lavoro in modo sicuro”. La ricerca conferma i numeri riportati da Cisco nella sua relazione annuale sulla sicurezza informatica. Cisco ha rilevato che oltre un terzo delle aziende ha subito una perdita enorme, di almeno il 20% dei ricavi, a seguito di una violazione hacker nel 2016.

Il 22% delle organizzazioni che sono diventate vittime di hacker nel 2016 hanno perso dei clienti, con il 40% delle imprese che vede il 20% della loro base clienti scappare dopo un incidente di sicurezza. Il 23% delle organizzazioni violate ha perso invece opportunità di business, con il 42% di esse che ha perso oltre il 20% potenziale di crescita.

Fonte: tecnologia.libero.it