L’Iran colpisce Israele, attacco DDoS contro i sistemi informatici governativi

L’attacco, rivendicato dal gruppo iraniano Black Shadow, ha messo fuori uso diversi siti web del governo israeliano, lasciandoli non raggiungibili per un breve periodo.

Un attacco DDoS ha bloccato diversi siti web del governo israeliano, lasciandoli non raggiungibili per un breve periodo. E’ quanto accaduto ai sistemi informatici istituzionali israeliani nella giornata di lunedì, notizia confermata ufficialmente dall’agenzia informatica nazionale in un tweet.

L’assalto informatico ha bloccato i siti web dei ministeri dell’interno, della salute, della giustizia e del welfare della nazione, nonché quello dell’ufficio del primo ministro.

banner

Funzionari del governo hanno affermato che stavano verificando con le compagnie elettriche e idriche israeliane per vedere se fossero state colpite, anche se i siti web dei servizi pubblici israeliani sembravano funzionare normalmente.

Il gruppo iraniano Black Shadow dietro l’attacco ad Israele

“Nelle ultime ore è stato identificato un attacco DDoS contro un provider di comunicazioni. Di conseguenza, l’accesso a diversi siti Web, tra cui quelli del governo, è stato negato per un breve periodo. A partire da ora, tutti i siti Web sono tornati alla normale attività”.

Gil Messing, portavoce della società israeliana di sicurezza informatica Check Point Software Technologies, ha dichiarato a Bloomberg che è improbabile che l’attacco abbiamo fatto danni significativi. “Questo di solito è fatto per mandare un messaggio e creare molto confusione. Non è necessariamente un’infiltrazione o un’acquisizione di informazioni”, ha aggiunto.

L’attacco informatico ad Israele è stato rivendicato dal gruppo iraniano Black Shadow. L’attacco, spiegano alcune fonti internazionali, è venuto in apparente vendetta per un raid aereo accusato ad Israele che ha ucciso due colonnelli iraniani in Siria la scorsa settimana.

Parlando con Newsweek, l’ex rappresentante permanente di Israele alle Nazioni Unite Danny Danon ha evidenziato una preoccupazione evidente sulla situazione. “Siamo preoccupati per i recenti attacchi informatici in Israele e l’incidente è oggetto di indagini più dettagliate”, ha affermato Danon. “C’è, naturalmente, la preoccupazione che l’Iran stia ‘testando’ Israele e gli Stati Uniti in questo periodo caotico in cui tutti gli occhi sono puntati sull’Ucraina. Quando l’Iran rileva un’opportunità per sfruttare la situazione e portare avanti la propria agenda terroristica, non esita”.

Non solo la vendetta per il raid aereo in Siria. Anche l’accordo sul nucleare

Secondo Danon la causa dell’attacco è da collegarsi agli sforzi in corso per ripristinare la partecipazione degli Stati Uniti a un accordo nucleare del 2015 con l’Iran e gli altri firmatari Cina, Francia, Germania, Russia e Regno Unito. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha cercato di tornare all’accordo, abbandonato dal suo predecessore nel 2018, una mossa che vedrebbe la revoca delle sanzioni statunitensi all’Iran in cambio della reintroduzione di limiti severi a Teheran su un programma nucleare che, a suo dire, non avrebbe mai avuto lo scopo di produrre un nucleare arma.

Israele, che è ampiamente ritenuto avere armi nucleari proprie, si è sempre opposto all’accordo, ufficialmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), e Danon ha affermato che tali azioni iraniane dovrebbero dissuadere le potenze dal trattare con la Repubblica islamica.

“Questi attacchi apparentemente piccoli ma consequenziali dovrebbero servire da avvertimento al P5+1 di Vienna che non possiamo collaborare in alcun modo con un regime che cerca di terrorizzare il mondo occidentale e grida per la sua distruzione”, ha detto Danon. “Dobbiamo rispondere al terrore iraniano con aggressione e sanzioni e non con ricompensa o pacificazione”.

Tuttavia, pochi giorni fa, i rappresentanti dell’accordo originale sono apparsi sull’orlo di una risoluzione nella capitale austriaca, ma è stata bruscamente annunciata una pausa, apparentemente provocata da una richiesta russa dell’ultimo minuto di assicurazioni che Mosca sarebbe stata in grado di commerciare con Teheran ininterrottamente poiché Washington guida un’ampia coalizione di paesi per sanzionare la Russia per la sua operazione militare contro l’Ucraina.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha detto ai giornalisti lunedì che spetta all’Iran e alla Russia capire come procedere.

Related Posts

Ultime news

Andrea Chittaro Snam
Manfredi_a2a_