Infrastrutture critiche, Gabrielli (Capo della Polizia di Stato): ‘Partnership pubblico-privato per fronteggiare gli attacchi’

“Sul tema della protezione delle infrastrutture critiche non siamo al giurassico, ma non molto lontano: si tratta di una questione fondamentale per la vita del Paese che purtroppo non sempre è stata vissuta come prioritaria”. L’allarme è stato lanciato dal capo della Polizia, Franco Gabrielli, intervenendo al convegno su “Sicurezza nazionale e cooperazione internazionale” organizzato, ieri, nell’ambito del Salone della Giustizia.

Nella Pa a tutti i livelli c’è analfabetismo su sicurezza delle infrastrutture critiche

“Nel mondo della pubblica amministrazione a tutti i livelli c’è ancora analfabetismo sotto il profilo della sicurezza delle infrastrutture critiche – ha spiegato il capo della Polizia – e già solo farne un elenco potrebbe rappresentare un problema. Su questi temi servono visione, condivisione, forte partnership tra pubblico e privato: e la difesa dell’interesse nazionale non può essere considerata autarchia, chiusura al mondo o negazione di vecchie e nuove relazioni”.

Partnership pubblico-privato per fronteggiare gli attacchi informatici e proteggere le infrastrutture critiche

La partnership tra pubblico e privato per fronteggiare gli attacchi informatici e proteggere le infrastrutture critiche è la strategia indicata anche dal ministero della Difesa: “Lo Stato è un attore fondamentale per la sicurezza, anche in quella cibernetica, ma devono partecipare anche gli utenti e le grandi realtà, quelle che gestiscono le reti e producono i software: sono private ma hanno un grande impatto sulla collettività e devono partecipare per tutelare il bene comune”, ha detto il ministro Elisabetta Trenta intervenuta al Cnr di Pisa nel corso di Itasec19. Stesso concetto ripetuto dal sottosegretario alla Difesa presso l’Ambasciata italiana a Washington: “Il Governo non può proteggere il dominio cibernetico da solo, abbiamo bisogno di rafforzare le partnership pubblico-privato. Dobbiamo lavorare con i principali stakeholder“, ha dichiarato Angelo Tofalo nel suo recente intervento negli Stati Uniti.

“Con il 5G no approccio settoriale”

Il 5G non è solo la tecnologia successiva al 4G, è un ecosistema di trasformazione abilitante per tante altre tecnologie: a partire dall’IoT fino all’Intelligenza artificiale. Tutto sarà, a regime, connesso con innumerevoli vantaggi e nuovi servizi in una pluralità di settori, ma con la tecnologia di quinta generazione le minacce cibernetiche “sono destinate a crescere esponenzialmente”, ha fatto notare il Garante Privacy, Antonello Soronell’audizione al Copasir.

Per questo motivo Franco Gabrielli ha lanciato l’appello alle aziende pubbliche e private, che rappresentano un’eccellenza nella cybersecurity, a fare squadra: “Pensiamo al 5G, si dovrà necessariamente capire che le cose saranno profondante modificate. La velocità e la molteplicità delle interconnessioni finiranno inevitabilmente con il cambiare molte cose: saremo sempre più chiamati a navigare in un mare dove i punti di riferimento non sempre saranno cosi definiti.Invece l’approccio è sempre molto settoriale, riferito al momento”, ha osservato il capo della Polizia.

Vai all’articolo originale qui.

Fonte: key4biz.it