Cyberfinanza, la Corea del Nord sta usando i bitcoin per aggirare le restrizioni commerciali

Non solo missili nucleari, la Corea del Nord punta anche su un’altra arma. Nulla a che vedere con lanci di razzi o esplosioni, in questo caso si tratta di cyber-finanza.

Pyongyang, infatti, punta ad accumulare bitcoin e altre criptovalute per aggirare le restrizioni commerciali, comprese le nuove sanzioni inflitte dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Secondo FireEye, società specializzata nella sicurezza informatica, gli hacker del regime stanno intensificando gli attacchi ai mercati di criptovalute sudcoreani.

A rendere appetibili le monete elettroniche, il cui valore è in aumento, sono in particolare due elementi: la mancanza di controllo da parte degli Stati e la difficoltà nel rintracciare chi ne fa uso. Uno dei metodi che il regime usa per rubare bitcoin consiste nell’invio di mail contenenti dei malware al personale dei mercati di scambio.

Nel 2017 – ha confermato FireEye – ci sono stati alcuni tentativi di furto di criptovalute in Corea del Sud, di cui uno andato a segno. Vennero sottratti 3.800 bitcoin che, al cambio odierno, varrebbero circa 15 milioni di dollari. In questo caso, tuttavia, non è stato dimostrato il coinvolgimento del regime guidato da Kim Jong-un.

Vai all’articolo completo qui.

Related Posts

Ultime news

filtro anti-porno smartphone minori
crittografia omomorfica