Cybercrime: la guida su come proteggere i propri dati online

Secondo gli ultimi report sul web, comprare online è una delle attività più popolari su internet, seconda solo allo scambio di email.

In questo periodo dell’anno, saranno in molti ad acquistare nuovi dispositivi. Ma non ci sono solo aspetti positivi. Non c’è niente di peggio che un problema di sicurezza o privacy a rovinare il nuovo regalo.

Nel periodo natalizio infatti, è importante tenere a mente che i cybercriminali, che hanno come obiettivo le credenziali bancarie degli utenti e i loro account sui siti di shopping online, potrebbero “fare tombola” proprio durante il periodo delle feste.

Il boom di malware per i siti di eCommerce nel 2018

I criminali informatici hanno spostato la loro attenzione dai sistemi dei punti vendita alle piattaforme di pagamento dei grandi siti di eCommerce. Gruppi di criminali informatici, come Magecart, sono riusciti a prelevare migliaia di dati delle carte di credito direttamente dai siti web presi di mira, il che ha alimentato la domanda di dati delle carte di credito e degli strumenti dannosi che possono essere utilizzati per rubarli.

Inoltre, dato che le aziende implementano sempre nuovi livelli per le loro misure di sicurezza, i criminali informatici rispondono di conseguenza. Ad esempio, quando le aziende aggiungono controlli geografici per verificare l’ubicazione geografica dell’IP per gli acquisti online, aumenta la richiesta di computer compromessi con lo stesso codice di avviamento postale dei dati della carta di credito rubati.

E allora ecco qualche consiglio pratici su sicurezza e privacy per i nuovi dispositivi che possano aiutare a essere più protetti e a non rovinare i momenti di festa.

Utilizzare un Password Manager

Non tutti i dispositivi possono utilizzare direttamente un password manager, ma si tratta di una delle migliori applicazioni che si possano configurare. PC e Mac, ma anche smartphone e tablet, ne supportano l’utilizzo, ma anche sui dispositivi sprovvisti è possibile usare – tramite app, ad esempio – un password manager per generare e archiviare password articolate. È preferibile scegliere un password manager con autenticazione a due fattori.

Vai all’articolo completo qui.

Fonte: key4biz.it