Cyber Forensics e indagini digitali, il manuale tecnico-giuridico per i professionisti

  • Di Stefano Aterno, Francesco Cajani, Gerardo Costabile, Donatella Curtotti
  • Giappichelli editore
  • Data di pubblicazione: marzo 2021
  • ISBN: 9788892116757
  • Pagine: 688
  • Prezzo: 69,00

Il Manuale, unicum nel panorama editoriale italiano, ha lo scopo di guidare magistrati, investigatori, avvocati, consulenti tecnici e studiosi della materia nel mondo delle indagini digitali, affrontando ogni tematica con approfonditi approcci tecnici e con l’analisi delle connesse problematiche giuridiche.

Elementi informatici di base, aspetti tecnici dell’acquisizione e dell’analisi della digital evidence, ispezioni e perquisizioni informatiche (online e nel Cloud), intercettazioni dei sistemi di instant messaging, captatore informatico, Internet, posta elettronica, log file, data retention, appostamenti informatici, cooperazione internazionale e richieste agli Internet Service Provider sono alcuni dei temi trattati anche alla luce delle recenti sentenze di merito e di legittimità.

L’Opera è impreziosita da casi pratici d’interesse nazionale ed internazionale, consultabili qui.

Stefano Aterno, Avvocato del foro di Roma. Professore a contratto presso l’Università di Foggia in Sicurezza informatica. Esperto di Diritto penale dell’informatica e di Diritto delle nuove tecnologie. Ha conseguito le seguenti certificazioni internazionali: UNI 11697:2017 Data Protection Officer, Certificato ISO 27001, CIFI (Certified Information Forensics Investigator). Dal 2005 ad oggi ha pubblicato alcuni libri e numerosi articoli scientifici in tema di criminalità informatica, indagini informatiche, privacy e Data Protection.

Francesco Cajani, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Milano. Ha coordinato molte indagini in materia di criminalità informatica, tra le quali le prime in Italia relative al fenomeno del phishing. Quale componente della Sezione distrettuale antiterrorismo ha condotto indagini anche in materia di terrorismo islamico. Punto di contatto italiano per Eurojust in relazione alla criminalità informatica, è membro dell’European Judicial Cybercrime Network (EJCN). Già componente del Cloud Evidence Group istituito dal Consiglio d’Europa, partecipa ai lavori volti alla redazione del secondo protocollo addizionale alla Convenzione di Budapest sul cybercrime. Fa parte di un gruppo di lavoro che, attraverso innovative forme di collaborazione tra Istituzioni, dedica particolare attenzione alla vittima dei reati.

Gerardo Costabile, Fondatore e Amministratore delegato di DeepCyber, società specializzata in Advanced Cyber Threat Intelligence, Protection e Antifrode. Presidente dell’Italian Chapter di IISFA (associazione no profit che raggruppa gli specializzati in informatica forense) e membro del New York Electronic Crime Task Force (NYECTF) dell’United States Secret Service. Già Chief Security Offi- cer di British Telecom e Fastweb spa, Executive Director della practice “Forensic Techonology and Discovery Services” per l’Europa dell’Ovest, Chief Information Security Officer del Gruppo Poste Italiane ed investigatore nel Gruppo Repressione Frodi della Guardia di Finanza di Milano.

Donatella Curtotti, Professore ordinario di Diritto processuale penale. Docente di Criminalistica e Digital Forensics. Coordinatrice del Corso di laurea in Scienze investigative presso l’Università di Foggia. Direttrice della Collana “Scienze giuridiche della Sicurezza”, Pacini editore. Autrice, tra le molteplici monografie e pubblicazioni, dei volumi Rilievi e accertamenti tecnici, Cedam, 2013; I collegamenti audiovisivi nel processo penale, Giuffrè, 2006. Co-curatrice del Manuale delle investigazioni sulla scena del crimine, Giappichelli, 2019. Docente presso la Scuola Superiore della Magistratura, la Scuola Nazionale di Alta Formazione dell’Unione Camere penali italiane, l’Isti- tuto Superiore di Tecniche Investigative dell’Arma dei Carabinieri, i Corsi di tecniche investigative e tecnico-scientifiche della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato.

Related Posts

Ultime news

Gabrielli
pirateria
Toshiba
sito_giustizia_data_breach