Cyber espionage e cyber counterintelligence

Di antonio Teti
Prefazione di Mario Caligiuri
Rubettino editore

Data di pubblicazione: gennaio 2018
ISBN: 9788849852660
Pagine: 222
Prezzo: € 15,00

Negli ultimi decenni le aziende, le organizzazioni civili, governative e militari di tutto il mondo, stanno combattendo quotidianamente dei cyber conflicts all’interno del Cyberspazio. La dinamicità e l’ambiguità degli attacchi informatici, in costante evoluzione, impongono l’adozione di nuove tecniche, metodologie e competenze finalizzate al contrasto delle minacce presenti in Internet. Sono strumenti difensivi/offensivi che non possono prescindere dalla ricerca e continua acquisizione di informazioni online che riguardano le peculiarità degli avversari. In questo scenario lo spionaggio e il controspionaggio cibernetico assumono un ruolo fondamentale per la tutela dell’integrità del patrimonio informativo. Tutti i dati in grado di produrre una cornice di conoscenza utile per fronteggiare gli attacchi provenienti dal Cyberspazio, sono presenti principalmente nel web e soprattutto nei social network (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube).

Per estrarre queste informazioni dal mare magnum del complesso ecosistema digitale che ci avvolge, è possibile ricorrere a due nuove metodologie di intelligence: Social Media Intelligence (SOCMINT) e Web Intelligence (WEBINT). Se la sicurezza informatica tende all’ottimizzazione dell’infrastruttura tecnologica per ridurre le vulnerabilità dei sistemi informatici, le attività di cyber espionage e cyber counterintelligence sono finalizzate alla creazione di una “saggezza” indispensabile per la formulazione di previsioni sugli scenari futuri, per comprendere le tendenze e gli obiettivi degli avversari e per fornire un supporto ai processi decisionali.

All’interno dell’eterogeneo meccanismo di attività di cyber intelligence è possibile cogliere anche l’efficacia di nuovi strumenti di contrasto e manipolazione delle informazioni, come le azioni di inganno online (cyber deception), che mirano all’indebolimento degli attacchi informatici, e l’adozione di schemi psicologici, cognitivi e comportamentali (cyber behavior) finalizzati al condizionamento dei pensieri e degli atteggiamenti degli individui. Lo spazio operativo in cui si consumano le operazioni di spionaggio e controspionaggio cibernetico, non si limita a quello della difesa nazionale, ma si espande anche ad altri che interessano maggiormente, e con conseguenze più dirette ed evidenti, la popolazione (intelligence economica, politica, sociale, industriale, religiosa).

 

Antonio Teti è Responsabile del Settore Sistemi Informativi e Innovazione Tecnologica dell’Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, dove è docente di IT Governance e Big Data al Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management del Dipartimento di Economia Aziendale. Esperto di Cyber Intelligence, ICT Management e ICT Security, ha accumulato un’esperienza trentennale in studi, ricerche e consulenze in aziende pubbliche, private e istituzioni governative. È stato docente di Computer Science presso diverse università italiane tra le quali l’Università La Sapienza, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, l’Università di Foggia, l’Università di Teramo e l’Università della Calabria. È docente di Cyber security presso la Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia di Roma.

Related Posts

Ultime news

filtro anti-porno smartphone minori