Attacco ransomware contro Zètema, la partecipata che gestisce i servizi culturali e museali di Roma Capitale. Gualtieri: “Attacco molto pesante”

Attacco informatico ai siti web di Roma Capitale gestiti da Zètema del progetto cultura, tra cui quello della sovraintendenza, i musei comunali, e quello turismo.

I criminal hacker, nella notte tra domenica e lunedì scorso, hanno bloccato il sito di Zetema e quelli gestiti dall’azienda. II sito è down da ieri mattina, nel frattempo sono intervenuti gli esperti del Centro nazionale anticrimine informatico della polizia postale per mettere in sicurezza i sistemi, valutare la portata dell’intrusione e ripristinare la funzionalità.

L’azienda, ha spiegato in una nota, “In seguito alle prime verifiche tecniche, svolte con il supporto di una primaria società del settore, si è evidenziato un attacco di natura informatica. Abbiamo tempestivamente informato l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali e stiamo procedendo a informare le autorità competenti. Attualmente sono state attivate tutte le misure necessarie per ripristinare i servizi nel minor tempo possibile”. 

Il Lazio sempre nel mirino dei criminal hacker

L’attacco informatico, dicono le fonti, è stato di tipo ransomware. Al momento la società del Campidoglio quanto gli investigatori non parlano infatti della somma richiesta all’azienda e delle modalità con cui è stato chiesto il riscatto.

Non è il primo attacco hacker che subisce il Campidoglio. A marzo venne bloccato il sito internet del Comune per alcune ore, nel giorno in cui le famiglie romane attendevano la pubblicazione delle graduatorie delle scuole materne, mentre il 16 maggio dell’anno scorso un altro tentativo di assalto era stato respinto.

L’attacco hacker peggiore nel Lazio però sinora l’ha subito la Regione nel 2021 quando i criminal hacker mandarono in tilt i servizi dell’ente, tra cui il sistema informatico sanitario e quello dedicato alla vaccinazione anti-Covid.

Il risultato fu un mese di paralisi, con i cittadini impossibilitati ad accedere anche ai registri dei dati delle farmacie e difficoltà nel rilascio dei green pass. Il sistema è poi stato ripristinato, ma i danni che ha prodotto ancora creano problemi, considerando che parte dell’archivio regionale di quel periodo è ormai solo cartaceo.

Il sindaco Roberto Gualtieri: “E’ stato un attacco molto significativo”

Il giorno dopo l’attacco, il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, a margine di un sopralluogo a un cantiere a Portonaccio, ha dichiarato al momento non ha nessuna novità la vicenda. “È stato un attacco molto pesante, dimostra la portata della sfida della cybersecurity e anche che abbiamo fatto bene a dotarci di un dipartimento dedicato a questo perché purtroppo è una realtà del nostro tempo che avviene in tutta Italia. L’attacco a Zetema è molto significativo”, ha spiegato il sindaco.

Related Posts

Ultime news

cavi sottomarini_dati_attacchi informatici
cavi sottomarini_dati_attacchi informatici