Kaspersky lab: ‘Attenzione a usare le dating app con un wifi pubblico’

Se usate con leggerezza infatti, le applicazioni di incontri possono prestare il fianco a chi volesse rilevare dati a scopi malevoli (dallo stalking al black mailing). “Non vogliamo scoraggiare le persone dall’utilizzarle, ma vorremmo fornire alcune raccomandazioni su come farlo in modo più sicuro”, hanno detto i ricercatori. L’analisi della società ha indagato 9 servizi diversi, tra i quali Badoo, Mamba, Zoosk, HappnWeChat, Paktor, OkCupidBumble e Tinder

Tanto per cominciare, i ricercatori hanno provato a de-anonimizzare i profili, cioè raggiungere la vera identità degli utenti. Nel caso di Tinder, Happn e Bumble, sfruttando le informazioni come quelle sulla formazione e storia lavorativa presenti sul profilo pubblico, sono riusciti ad arrivare ad altre presenze online.

Usando queste informazioni, siamo riusciti nel 60% dei casi a identificare le pagine degli utenti su vari social media, tra cui Facebook e LinkedIn, nonché i loro nomi e cognomi

hanno detto i ricercatori. Il collegamento agli account Instagram collegati (funzione comune a molti servizi) ha spianato ulteriormente la strada. 

Vai all’articolo completo qui.

Related Posts

Ultime news

Roma Capitale Cyber Security