Dalla fusione di CSE Cybsec ed Emaze nasce CYBAZE, la nuova realtà italiana della cybersecurity

CSE Cybsec Enterprise Spa ed Emaze Spa hanno firmato oggi l’accordo per la fusione che le porterà a diventare leader nel panorama della cybersecurity aziendale con il nome di CYBAZE.

La nuova azienda punta a competere nello scenario nazionale e internazionale mettendo in comune risorse, competenze e strumenti avanzati nel campo della Sicurezza Informatica e della Threath intelligence.

Cybaze Spa avrà 90 dipendenti, uffici in Italia a Milano, Udine, Trieste, Roma, Napoli e Benevento, ed uffici esteri a Bruxelles e Lugano. Cse Cybsec Spa è la società nata un anno fa per iniziativa dell’ing. Pierluigi Paganini, nome celebre nell’ambito della cybersecurity e Chief Technology Officer della società e del Dott. Marco Castaldo, Amministratore Delegato e presieduta dall’Ambasciatore Terzi di Sant’Agata; Emaze Spa è stata tra le prime società di cybersecurity ad operare in Italia, con due decenni di attività alle spalle, clienti importanti in settori delicati come banche e telecomunicazioni.

Il fatturato da cui partiranno le due società è di circa 6 milioni di euro, che il management punta ad incrementare da subito. Il presidente della nuova società sarà l’Ambasciatore Terzi di Sant’Agata, Amministratore Delegato il dott. Marco Castaldo e il CTO Pierluigi Paganini. Il top management è potenziato anche dall’arrivo del dott. Nicola Borrelli, proveniente dal management di Deloitte Consulting, che avrà il compito di gestire l’unificazione delle due strutture.

Questa operazione è funzionale a un piano di crescita di medio-lungo termine in un mercato ancora frammentato ma con un enorme potenziale di crescita e ha l’obbiettivo di sostenere il sistema Italia favorendo la competitività delle nostre imprese nei mercati internazionali.” – afferma Marco Castaldo, Amministratore Delegato di Cybaze.

E continua: “Cybaze ha l’ambizione di giocare un ruolo primario nell’arena della cybersecurity quale società italiana in competizione con i grandi brand internazionali; questo è il primo passo di un progetto di espansione che prevede anche acquisizioni significative nelle prossime settimane.”