Cyber espionage e cyber counter intelligence

Di Antonio Teti

Rubbettino editore

Data di pubblicazione: novembre 2017

 

 

 

 

 

Negli ultimi decenni le aziende, le organizzazioni civili, governative e militari di tutto il mondo, stanno combattendo quotidianamente dei cyber conflicts all’interno del Cyberspazio. La dinamicità e l’ambiguità degli attacchi informatici, in costante evoluzione, impongono l’adozione di nuove tecniche, metodologie e competenze finalizzate al contrasto delle minacce presenti in Internet. Stiamo parlando di nuovi strumenti difensivi/offensivi digitali in grado di ostacolare i cyber attacchi, ma la loro efficacia dipende essenzialmente dalla capacità di ricercare ed acquisire costantemente tutte le informazioni online riconducibili agli avversari. In questo scenario lo spionaggio e il controspionaggio cibernetico assumono un ruolo fondamentale per la tutela dell’integrità del patrimonio informativo.

Tutti i dati in grado di produrre una cornice di conoscenza utile per fronteggiare gli attacchi provenienti dal Cyberspazio, sono presenti principalmente nel web e soprattutto nei social network (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube). Il libro di Antonio Teti, noto esperto di cyber intelligence e docente dell’Università di Chieti-Pescara, può essere considerato come il primo testo in Italia che focalizza l’attenzione sulle tecniche e le metodologie impiegabili per la conduzione di attività di spionaggio e controspionaggio cibernetico, affrontando con particolare meticolosità gli aspetti fondamentali inerenti la ricerca, la selezione e valorizzazione delle informazioni online, grazie all’utilizzo di tecniche di data mining, intelligence analysis, e cyberspace profiling.

Una particolare attenzione è riservata alle due nuove metodologie di intelligence nel mondo virtuale: Social Media Intelligence (SOCMINT) e Web Intelligence (WEBINT). Se la sicurezza informatica tende all’ottimizzazione dell’infrastruttura tecnologica per ridurre le vulnerabilità dei sistemi informatici, le attività di cyber espionage e cyber counterintelligence sono finalizzate alla creazione di una “saggezza” indispensabile per la formulazione di previsioni sugli scenari futuri, per comprendere le tendenze e gli obiettivi degli avversari e per fornire un supporto ai processi decisionali.

Nel libro di Teti è possibile cogliere anche l’efficacia di nuovi strumenti di contrasto e manipolazione delle informazioni, come le azioni di inganno online (cyber deception), che mirano all’indebolimento degli attacchi informatici, e l’adozione di schemi psicologici, cognitivi e comportamentali (cyber behavior) finalizzati al condizionamento dei pensieri e degli atteggiamenti degli individui. Lo spazio operativo in cui si consumano le operazioni di spionaggio e controspionaggio cibernetico, non si limita a quello della difesa nazionale, ma si espande anche ad altri che interessano maggiormente, e con conseguenze più dirette ed evidenti, la popolazione (intelligence economica, politica, sociale, industriale, religiosa), come si evince dai numerosi case studies riportati nell’opera.

 

Antonio Teti è Responsabile del Settore Sistemi Informativi e Innovazione Tecnologica dell’Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, dove è docente di IT Governance e Big Data al Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management del Dipartimento di Economia Aziendale. Esperto di Cyber Intelligence, ICT Management e ICT Security, ha accumulato un’esperienza trentennale in studi, ricerche e consulenze in aziende pubbliche, private e istituzioni governative. È stato docente di Computer Science presso diverse università italiane tra le quali l’Università La Sapienza, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, l’Università di Teramo e l’Università della Calabria. È docente di cyber security presso la Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia di Roma. È Consulente Tecnico di Ufficio nel settore informatico di diverse Procure italiane. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche collabora con diversi quotidiani, riviste e periodici del settore, e partecipa a convegni nazionali e internazionali e a programmi radiotelevisivi su emittenti nazionali in qualità di opinion leader.

Tra i suoi libri più noti si citano: EUCIP, Il manuale per l’informatico professionista (Hoepli, 2005); Business and Information System Analyst, Il Manuale per il Manager IT (Hoepli, 2007); Network Manager, Il manuale per l’Amministratore di Reti e Sistemi (Hoepli, 2007); Management dei servizi IT: dal modello ITIL all’ISO/IEC 20000 (Il Sole 24 Ore, 2008); Sistemi informativi per la Sanità, ECDL Health (Apogeo, 2009); Il futuro dell’Information & Communication Technology: tecnologie, timori e scenari della global network revolution (Springer-Verlag, 2009); PsychoTech, il punto di non ritorno. La tecnologia che controlla la mente (Springer-Verlag, 2011); Servizi segreti, Intelligence e Geopolitica (Edizioni Nagard, 2012); Il potere delle Informazioni. Comunicazione globale, Cyberspazio, Intelligence della conoscenza (Il Sole 24 Ore, 2012); Technology Intelligence. Ottimizzazione delle tecnologie aziendali (Pearson, 2013); Open Source Intelligence & Cyberspace. La nuova frontiera della conoscenza (Rubbettino, 2014); Lavorare con i Big Data. La guida completa per il Data Scientist (Tecniche Nuove, 2017).