Tag:

Ecco 5 tool per difendersi dai ransomware ed evitare di perdere dati

I ransomware, i virus che bloccano l’accesso ai dati del computer e chiedono un riscatto in Bitcoin agli utenti per ottenere la chiave di sblocco, sono diventati “famosi” durante il 2017.

Gli attacchi informatici WannaCry Petya, che nel 2017 hanno bloccato migliaia di dispositivi in tutto il mondo, hanno acceso le luci dei riflettori su questo nuovo tipo di virus informatico.

In molti casi gli antivirus presenti sui computer sono risultati inefficienti contro l’attacco dei ransomware e le software house che sviluppano soluzioni per la sicurezza informatica sono corse ai ripari sviluppando programmi ad hoc. Ma rispetto a qualche mese fa anche gli antivirus hanno fatto un deciso passo in avanti garantendo una protezione quasi totale dai principali virus del riscatto presenti sul “mercato”. Ma se si vuole essere sicuri di proteggere i propri dati e il PC dai ransomware è necessario installare un programma ad hoc. Sono disponibili sia soluzioni gratuite sia a pagamenti. Ecco quali sono le migliori.

Bitdefender Anti-Ransomware Tool

Bitdefender è una garanzia quando si tratta di proteggere il proprio computer dai virus. La versione gratuita dell’antivirus sviluppato da Bitdefender è uno dei migliori disponibili sul mercato, almeno secondo i risultati di AV-TEST. La software house ha realizzato anche un tool per proteggere gli utenti dall’attacco dei ransomware: Bitdefender Anti-Ransomware Tool. Il programma è presente all’interno della versione a pagamento di Bitdefender Antivirus. Il tool assicura una protezione dai ransomware più famosi come Petya e TeslaCrypt.

Trend Micro RansomBuster

Se siete un’azienda e siete alla ricerca di un programma per difendere i vostri dati dall’attacco dei ransomware, Trend Micro RansomBuster potrebbe essere la scelta migliore. Il software permette di mettere al sicuro le singole cartelle e di proteggerle da qualsiasi virus del riscatto cerchi di infettarle. Il tool è presente all’interno dell’antivirus sviluppato da Trend Micro.

Cybersight RansomStopper

Mentre le due soluzioni precedenti sono dei tool presenti all’interno di veri e propri antivirus, Cybersight RansomStopper è un programma sviluppato ad hoc per proteggere il PC dal virus del riscatto. Il software permette di proteggere le singole cartelle, ma anche di effettuare una scansione dei programmi in background per capire se c’è qualcosa di anomalo. Realizzato dalla startup Cybersight, RansomStopper è disponibile gratuitamente per l’utilizzo familiare, mentre per la versione aziendale è necessario pagare.

Cybereason RansomFree

Cybereason RansomFree è un programma anti-ransomware che utilizza diverse strategie per difendere il computer e i dati presenti all’interno dell’hard disk. Il software analizza anche i programmi presenti nel PC per controllare se c’è qualcosa di anomalo. Come si può intuire dal nome, il tool anti-ransomware è gratuito.

Windows Defender

Windows Defender è l’antivirus presente di default sui computer Windows 10. Con l’aggiornamento a Fall Creators Update, Microsoft ha aggiunto nel suo software di sicurezza una nuova funzione dedicata alla protezione dall’attacco ransomware. La feature blocca tutte le applicazioni non autorizzate ad accedere alle cartelle del computer, in modo da stoppare eventuali attacchi informatici.

Fonte: tecnologia.libero.it